.


Bailliage Como - Giovedì 05 Dicembre 2019 - ore 20:00

Evento "Diner de Noël"

Il Bailliage Como ha il piacere di presentare l' evento "Diner de Noël", in programma Giovedì 05 Dicembre 2019 alle ore 20:00, che si svolgerà al Clubino, sito in Via degli Olmi n° 3 a Milano ( Mi ).
 
Ed ecco, di seguito, la lettera di presentazione condivisa dalla Bailli Tiziana Manca di Mores e, di seguito, il menu ( visionabile e scaricabile ) in formato PDF curato dal Executive Chef Emanuele Poli ( Chef Rôtisseur ):

PRESENTAZIONE:

"Entrate al Clubino

Nelle segrete stanze del circolo più esclusivo della città dove il telefonino è vietato

«Lasciate ogni arro­ganza voi ch’entra­te ». Potrebbe esse­re il motto del Clubino, esclu­sivo circolo per soli uomini che dal 1901 accoglie la più operosa borghesia e l’aristo­crazia illuminata di Milano e dintorni. Alle origini proprie­tari terrieri, avvocati, medici, ingegneri, industriali del tessi­le appassionati allo stesso mo­do di impresa e di sport, ele­ganti ed esigenti al punto di mandare le camicie a lavare e stirare a Londra, come il dan­dyssimo Beppino de Montel, presidente del Clubino negli anni quindici del Novecento. Oggi per la prima volta an­che il pubblico potrà penetra­re le segrete stanze di via degli Omenoni grazie a un volume illustrato che i soci hanno commissionato a due studiosi di storia — Maria Canella e Germano Maifreda — per gli 80 anni del circolo nella cin­quecentesca sede dietro piaz­za Scala (prima fu in via Ber­chet e in via Ugo Foscolo). 

Secondo la tradizione dei club inglesi, anche il Clubino nasce come luogo di incontro e svago extra-domestico, ma nel tempo è diventato molto altro: l’incubatore di una clas­se dirigente unita, oltre che dal ceto, dai valori dell’integri­tà, della gentilezza d’animo e della discrezione. «È un luogo di accumulazione di quelle che gli economisti chiamano le 'risorse scarse': la fiducia, la reputazione, le informazio­ni», spiega Germano Maifre­da, ricercatore di Storia econo­mica e sociale dell’età moder­na all’Università Statale di Mi­lano. Ma «se pensate di venire qui per fare affari con i soci, vi sbagliate di grosso», avvertiva il presidente «Giovannino» Sforza nel suo discorso di ben­venuto ai nuovi iscritti all’ini­zio dei rampanti anni Ottanta. Il regolamento del circolo vie­ta l’ingresso alle sale con cellu­lari, cartelle e valigette. E i por­tieri sanno essere molto asser­tivi. Nella sala da pranzo dei so­ci nessuno sceglie dove seder­si a tavola. «Ci si accomoda in ordine di arrivo. Mano a ma­no che gli ospiti sopraggiun­gono, i camerieri aggiungono un tavolino, così capita che il più giovane sieda accanto al più anziano, l’ultimo arrivato vicino al grande imprendito­re. È una forma di democrazia, un modo per scompaginare eventuali sottogruppi e an­che un’opportunità di forma­zione. Le gerarchie che valgo­no fuori cessano di esistere dentro al circolo», osserva Ma­ria Canella. Tra parentesi, pare che si mangi benissimo. «I soci por­tano le loro ricette di famiglia e i cuochi le conservano», rac­conta Maifreda. «Forse è rima­sto l’unico vero ristorante mi­lanese della città». 

Del resto il risotto del Clubino è già negli annali grazie a un aneddoto molto amato da Arbasino (uscendo dalla chiesa di San Babila dopo il funerale del­­l’adorata consorte e dirigendo­si verso il circolo, il Conte Greppi si sarebbe così rivolto agli amici: «E così, fra una ro­ba e l’altra, anche oggi abbia­mo fatto l’ora del risotto»). Il volume, edito da Lucini, comprende un saggio stori­co- artistico sulla Casa degli Omenoni (ristrutturata dopo la seconda guerra mondiale da Piero Portaluppi), ricordi dei soci, fotografie e una po­stfazione di Giulio Sapelli. Inu­tile cercarlo in libreria: ne so­no state tirate un migliaio di copie per i soci, però si può consultare nelle principali bi­blioteche e fondazioni cittadi­ne."


MENU 

 


CHAÎNE DES RÔTISSEURS

Via Cavour 25 - 39100 - Bolzano
E-mail: info@chaine-des-rotisseurs.it

 
© Chaîne des Rôtisseurs - International Association of Gastronomy - P.Iva: 97265780151 | Trattamento dati personali

 

 

Privacy Policy